tpi-back

giovedì 7 settembre 2017

Bestialità gratuita


Mi ha profondamente colpito ed addolorato la notizia di cronaca di qualche giorno fa, a Roma zona EUR, che ha visto l'assurda morte (io la chiamerei ESECUZIONE) di un cinquantenne imprenditore siciliano all'esterno di un locale della movida romana (http://www.ilgiornale.it/news/cronache/bodyguard-si-messo-i-guanti-massacrare-galvagno-1438141.html). Il fatto in sé è di una allucinante bestialità insensata e gratuita, quello di massacrare a pugni e calci un uomo evidentemente ubriaco (e quindi largamente privo delle normali difese personali) che bastava allontanare dal locale magari chiamando esclusivamente la forza pubblica. Invece cinque bestie chiamate impropriamente bodyguard l'hanno scientemente e volontariamente ucciso, con l'unico pretesto che Galvagno creava problemi all'interno del locale. Come al solito, il capannello di persone presente sul piazzale antistante il San Salvador nulla ha fatto per evitare lo scempio. Solo uno, dotato di elevato senso civico, ha provato a fermare uno dei buttafuori ricevendo come risposta l'invito a farsi gli affari propri e che non gliene fregava niente di quel fantoccio inanimato a terra. Fortunatamente il meccanico testimone ha raccontato per filo e per segno ai Carabinieri quanto visto permettendo così il più che meritato arresto dei cinque animali chiamati uomini. La prassi notoriamente acclarata di assistere senza intervenire a fatti similari mi fa talmente stomacare che ometto ulteriori considerazioni personali. Tutti meriterebbero l'accusa di favoreggiamento, senza distinzione alcuna. Forse qualche giorno di gattabuia farebbe ritornare la voglia di intervenire e di evitare scempi di quel genere. Ma non ne sono sicuro... 

1 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page